Società Italiana di Diagnostica Vascolare

Comunicazioni

Home / Comunicazioni


LETTERA DEL PRESIDENTE

Cari soci.....
 

 

NOVITA'

 

Siete tutti invitati ad acquisire l'accreditamento di qualità .

La scadenza delle domande per il 2017 è il 28 febbraio (i dettagli sono riportati più in basso in questa pagina).

 

La SIDV ha ora un suo giornale online: Journal of Non invasive Vascular Investigation.

E' appena stato pubblicato il primo numero. Tutti i soci possono presentare lavori da pubblicare.

 

 

Asymptomatic Carotid Stenosis and Risk of Stroke in Patients who are on Optimal Medical Therapy  (ACSRS-OMT)

Parte questo anno il nuovo studio sui pazienti con stenosi carotidea sintomatica sottoposti a trattamento medico ottimale. Lo scopo è quello di identificare mediante l'esame ecocolo Doppler il tipo di lesione carotidea e il rishio di evento ischemico cerebrale.

Chi volesse prendere parte a questo interessante studio internazionale deve inviare il modulo di partecipazione compilato in tutte le sue parti direttamente al prof. Nicolaides.

 

SOCI MOROSI
Si ricorda che, a norma dello statuto e del regolamento interno, i soci morosi da più di due anni sono automaticamente considerati decaduti e quindi cancellati dall'elenco soci.

QUOTA SOCIALE
SI INVITANO TUTTI I SOCI A VERSARE LA QUOTA SOCIALE DI EURO 75 PER L'ANNO 2017 per essere considerati soci in regola e usufruire dei vantaggi.
La scadenza del versamento è fissata per il 28 febbraio di ogni anno.

Conto corrente bancario Unicredit intestato a:
Società Italiana di Diagnostica Vascolare
IBAN: IT51Q0200805024000400297125

VANTAGGI PER I SOCI
- accesso on line gratuito alla rivista INTERNATIONAL ANGIOLOGY.
- diventare soci di CLUB MEDICI (www.clubmedici.it) con la quota ridotta a 50 euro (anzichè 80 euro).
- quota previlegiata per i corsi FAD della SIDV.
- sconto del 20 % sul costo dei corsi FAD organizzati dalla Minerva Medica (www.ecmminervamedica.it).
- acquisto del DVD sul Doppler Transcranico di Aaslid edito dalla SIDV, in collaborazione con la SINSEC, al prezzo speciale di 20 euro.


- sconto sull'acquisto della nuova edizione del libro di diagnostica vascolare della SIDV (www.seu.it).

- quota di iscrizione ridotta per gli eventi organizzati dalla SIDV.

- convenzione con UNIPOLSAI per polizze per responsabilità civile professionale e verso terzi.


ACCREDITAMENTO DI QUALITA' DEGLI SPECIALISTI PER GLI ESAMI VASCOLARI AD ULTRASUONI
Sono aperte le iscrizioni per l'accreditamento di qualità degli specialisti per l'esecuzione degli esami diagnostici vascolari ad ultrasuoni.
La normativa e la documentazione richiesta sono riportate nel documento di presentazione.
Coloro che posseggono i requisiti richiesti e intendano ottenere l'accreditamento di qualità, dovranno inviare la domanda, corredata di tutti i documenti richiesti alla Segretaria della SIDV, via P. Borsieri 12 – 00195 Roma.
Alla domanda dovrà essere allegata copia del bonifico di euro 200,00, non rimborsabili, quale contributo per l'istruzione della pratica.
Il versamento dovrà essere effettuato sul conto corrente bancario Unicredit intestato a Società Italiana di Diagnostica Vascolare
IBAN: IT51Q0200805024000400297125.
E' richiesto un versamento a saldo di euro 400,00, da effettuarsi con le stesse modalità di cui sopra, ai candidati ammessi a sostenere la prova teorico-pratica.
Tale prova si svolgerà durante il congresso nazionale annuale e in altra occasione stabilita dal CD qualora le domande siano molto numerose.
Riportiamo l'elenco dei soci che hanno conseguito l'accreditamento di qualità e l'elenco dei tutor nominati dal Consiglio Direttivo.

Avendo la SIDV l'accreditamento ISO, il certificato di accreditamento di qualità ha valore anche ai sensi della normativa dell'ente italiano di Accreditamento "Accredia".  
 


APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA
Dalle risposte ad uno specifico questionario avute da circa 3000 medici di medicina generale è scaturita la pubblicazione del VADEMECUM sulla appropriateza prescrittiva degli esami diagnostici per le patologie vascolari. Il documento è il risultato del lavoro congiunto della SIDV e della FIMMG.

 

LABORATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE: CARICHI DI LAVORO E INDICAZIONI
Siete invitati a prendere visione del documento stilato dalla SIDV-GIUV e approvato a livello nazionale dalla SIAPAV e dalla SICVE.
Per ulteriori informazioni potete scaricare il file di presentazione.
 


GRUPPI DI STUDIO
per ulteriori informazioni rivolgersi alla segreteria SIDV (segreteria@sidv.net)


- Gruppo Italiano Vulnologi - G.I.V.
Coordinatore: G. Failla
- Effetti del trattamento con i "nuovi anticoagulanti orali" o "Inibitori orali diretti"  sulla ricanalizzazione precoce del tromboembolismo venoso, valutazione ultrasonografica e clinica
Coordinatore: C. Allegra - P.L. Antignani
- La refertazione degli esami diagnostici vascolari
Coordinatori: G. Ardita - O. Martinelli
- Ricerca e diagnostica di laboratorio nella patologia vascolare
Coordinatori: E. Favaretto - F. Mannello
 



MODELLI DI PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI
La SIAPAV ha messo a punto i modelli di percorsi diagnostico terapeutici relativi alle arteriopatie periferiche e alla trombosi venosa superficiale.
Nel 2014 è stato redatto il modello di percorso assistenziale della trombosi venosa profonda.

Nel 2015 sono stati redatti i modelli di percorso assistenziale per la stenosi carotidea asintomatica e per gli aneusismi dell'aorta addominale.

La SIDV ha contributo attivamente alla stesura dei documenti insieme ad altre società ed essi risultano quindi un prodotto condiviso intersocietario
(Metis-FIMMG, SIAPAV, SICVE, SIDV, SIMG, SISET).

I documenti sono liberamente scaricabili:
Arteriopatie periferiche
Trombosi venosa superficiale
Trombosi venosa profonda

Stenosi carotidea asintomatica

Aneurismi dell'aorta adominale

 

CERTIFICAZIONE DI QUALITA'
La SIDV ha ottenuto dal 2004 la certificazione di qualità a norma ISO.


Si allega una scheda di gradimento che invitiamo tutti i soci a compilare e inviare alla segreteria SIDV.

 

CREDITI ECM

Riportiamo una sintesi delle ultime novità in merito ai crediti formativi e al Dossier personale.
Nonostante siano passati diversi anni, non ci sono ancora indicazioni chiare circa le penalità di un mancato raggiungimento dei crediti nel triennio, in quanto per alcune professioni esiste un offerta formativa molto carente (esempio biologi, tecnici di laboratorio) ponendo questi in forte difficoltà nella copertura del loro fabbisogno formativo.

I crediti che sono stati acquisiti nel 2014 fanno parte del triennio 2014-2016.
 
La mancata acquisizione dei crediti, al momento penalizza:
• chi vuole conseguire ruoli di direzione
• chi vuole accedere alla sanità privata
• chi vuole partecipare a concorsi

Per coloro che esercitano la libera professione, potrebbe essere richiesto che nel ricettario sia presente la dichiarazione dell’assolvimento del obbligo formativo mentre per i professionisti dipendenti della pubblica amministrazione una ipotesi di penalizzazione potrebbe essere anche in merito agli scatti di carriera.


DOSSIER FORMATIVO
Da dicembre 2013 è in fase sperimentale, ma diventerà un requisito cogente probabilmente dal prossimo anno, per ogni professionista, la redazione di un dossier formativo che riguarda il triennio; per questo triennio, in cui il 1° anno è passato con il 2014, si farà sicuramente una valutazione considerando questo ritardo nella partenza.
Il professionista, sia dipendente che non, dovrà registrarsi presso co.ge.a.p.s in modo molto simile a come accaduto in “myecm” e, una volta registrato, compilare il dossier formativo in relazione all’azienda presso cui opera e al suo ruolo.
Il dossier formativo si compone di 3 aree, ciascuna con specifici obiettivi formativi, e per ogni area ci deve essere almeno il 10 % dei crediti formativi previsti nel triennio in corso.
Se si riesce a rispettare quanto programmato all’inizio del triennio nella misura del 70%, per il triennio che segue si potrà avere un bonus di 15 crediti.
Ogni anno, a partire dal secondo, sarà possibile fare dei cambiamenti sul proprio dossier formativo, ma eventuali corsi con obiettivi formativi che non fanno parte di quanto dichiarato in prima stesura e svolti nel primo anno, non potranno rientrare nel computo della percentuale svolta.
Eventuali crediti, i cui obiettivi formativi non fanno parte di quanto pianificato nel dossier formativo, verranno conteggiati come validità dei crediti al fine di conseguire il numero previsto di crediti nel triennio ma non rientreranno nel conteggio della percentuale raggiunta nel dossier formativo e quindi non si potrà accedere al bonus di 15 crediti nel triennio che seguirà.
La percentuale del 70 % va fatta al netto delle eventuali detrazioni di cui il professionista può beneficiare nel triennio in corso.